Art and Ground

A luglio ritorna “Art and Ground”, la rassegna artistica alla Catacomba paleocristiana di Porta d’Ossuna a Palermo, sito archeologico gestito dalla Cooperativa ArcheOfficina. L’iniziativa si inserisce in un più ampio progetto di promozione culturale del monumento, un modo di fruizione alternativo e originale, che ha lo scopo di far conoscere il sito archeologico e di promuovere realtà artistiche locali e internazionali contemporanee.

14731338_1103003426402222_7735569316619684422_n

Con la rassegna culturale “Art and Ground” il sito archeologico diventa un contenitore d’eccezione in cui storia e arte si incontrano dandosi forza a vicenda.

Ideata e realizzata con la direzione artistica di Indigo, studio di produzione musicale e sonora e residenza d’artista e una delle più interessanti realtà siciliane nel campo della produzione culturale.

Dopo il grande successo della scorsa edizione, che ha visto le performance di Miles Cooper Seaton, Fabrizio Cammarata, Alessandro Librio, Naoki Kita, Gianni Gebbia e Valerio Mirone, Lelio Giannetto, Sergio Beercock e molti altri, ripartono a Luglio gli appuntamenti serali all’interno della catacomba, che saranno anche quest’anno numerosi durante il periodo estivo (con due turni a prenotazione obbligatoria). Si parte dal vestibolo di ingresso settecentesco dove viene offerto un bicchiere di vino, continuando con la visita guidata del monumento in compagnia degli archeologi della cooperativa per concludere con una performance artistica di grande qualità: concerti di musica dal vivo, performance di musica elettronica, vernissage, reading letterari con accompagnamento musicale e spettacoli teatrali all’interno del grande cimitero paleocristiano, che per l’occasione viene illuminato soltanto con la luce delle candele, offrendo ai visitatori un’atmosfera unica ed emozionante.

15204288_10208385372812709_1349218605_o

Il primo appuntamento sarà giovedì 6 luglio con l’attore e regista teatrale Luigi Maria Rausa, la cui voce ci guiderà tra le profondità e le inquietudini de “Il cuore rivelatore”, uno dei racconti più rappresentativi di Edgar Allan Poe. Ad accompagnarlo alla chitarra il giovane musicista e cantautore Federico Stabile.

Link: https://www.facebook.com/events/1377657142269464

Il successo della rassegna serve a fare capire, prima di tutto a chi si occupa di tutela e gestione di beni culturali, che una promozione e relativa fruizione di un sito archeologico alternativa sono possibili, anzi auspicabili, e che la gente si sente molto più emotivamente coinvolta se viene trasportata in una visita archeologica che diventa anche esperienza.

Info:
327 9849519 | 320 8361431 | mail: info@archeofficina.com